Dal mondo Communitas

News

E’ stata un’emozione indescrivibile accogliere all’aeroporto di Fiumicino i 45 studenti etiopi titolari di protezione internazionale che grazie al progetto UNICODE potranno studiare nelle Università italiane. Il progetto è alla sua terza edizione e fa parte di un’azione coordinata tra Caritas Italiana il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale UNHCR, the UN Refugee...
Read More
Insieme ad Arci nazionale e Caritas Italiana stiamo dando vita alla ReteSipla la più grande rete non profit contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura. In questo video abbiamo raccolto le voci dei protagonisti del progetto che ci raccontano come è nato il progetto il suo impatto positivo sui territori. Maggiori info su www.retesipla.it 
Read More
  Il progetto Sipla sarà protagonista del prossimo Meeting Internazionale Antirazzista, la manifestazione dedicata ai temi della solidarietà, dell’accoglienza e dell’antirazzismo promossa da ARCI che si svolgerà dal 2 al 4 settembre a Cecina (Livorno). La giornata dedicata al Sipla, la rete che punta a tutelare i lavoratori agricoli stranieri, sarà quella del 3 settembre. Per la prima volta dall’inizio della...
Read More
Il Consorzio Communitas sta seguendo con preoccupazione l’evoluzione della crisi in Afganistan. In questi anni le tante realtà che compongono Communitas hanno gestito e stanno gestendo progetti di accoglienza, corridoi umanitari e iniziative di sostegno a popoli sofferenti a causa delle guerre come quello afgano. Ed ecco perché in questi giorni la rete delle nostre...
Read More
I corridoi umanitari per studenti universitari diventino un modello di accoglienza per tutto il nostro Paese. A lanciare l’appello sono il Consorzio Communtias assieme a Caritas Italiana. L’occasione è stata la tavola rotonda “Refugee Sponsorship and Student pathways” organizzata da ICMC Europe, Consorzio Communitas e con la collaborazione di Caritas Italiana nell’ambito del Progetto SHARE...
Read More
  “Refugee Sponsorship and Student pathways” è la tavola rotonda, organizzata da ICMC Europe, Consorzio Communitas e con la collaborazione di Caritas Italiana nell’ambito del Progetto SHARE QSN che farà il punto sugli attuali approcci, quadri e pratiche in via di sviluppo legati ai percorsi sicuri di studio e accoglienza per gli studenti rifugiati. L’incontro si concentrerà su come azioni basate...
Read More
EVENTI  Workshop on Monitoring of Community Sponsorship 16 June 2021 (13:30 – 16:30 CET) Nell’ambito del progetto SHARE Quality Sponsorship Network (QSN), Caritas International Belgium ospiterà un workshop sul monitoraggio dei gruppi di sponsorizzazione della comunità e sulle attività degli sponsor principali. Il workshop si basa sulle esperienze di Caritas come organizzazione sponsor “leader”, sostenendo...
Read More
Sono entrambe del Consorzio Communitas le due storie di integrazione vincitrici del contest “Storie che cambiano” legate al progetto europeo MAX project Per la categoria “meno di 5 anni” è stata premiata la storia dell’ Associazione Sabir legata al giovane educatore gambiano Malick, costretto a lasciare il suo Paese perchè perseguitato. Oggi Malick, grazie ad...
Read More
Per iscriversi all’evento clicca qui “Come si cambia” è il titolo della due giorni promossa da Legacoopsociali, cooperativa Dedalus, Consorsio Cosm, Consorzio Communitas e Aeidl per il 20 e 21 maggio 2021 con due eventi on line dalle 10 alle 12.30 sulla piattaforma zoom nell’ambito di Max Project – Maximizing Migrants contribution to society: il...
Read More
0
enti
0
volontari
0
percorsi
0
eventi

Consorzio Communitas nasce come una rete di realtà che si occupano della cura di chi è più debole.

É una rete fatta di persone e storie, piccoli e grandi progetti, per ridare la speranza a coloro che l’hanno persa. Il Consorzio Communitas è promosso da organizzazioni che aderiscono o collaborano con il Coordinamento Nazionale Immigrazione di Caritas Italiana. La peculiarità degli enti aderenti al Consorzio Communitas consiste nell’ispirazione ai principi della Carta pastorale della Caritas Italiana, “Lo riconobbero nello spezzare il pane”, e ai modelli di intervento promossi da Caritas Italiana e dalle Caritas diocesane. Da qui nasce lo stretto collegamento con l’ufficio immigrazione di Caritas Italiana, nel rispetto delle proprie autonomie, ma nella condivisione delle azioni da intraprendere.

Fondato nel 2009, il Consorzio Communitas ha lo scopo di creare una forma di collaborazione flessibile ma permanente tra gli enti aderenti.

Per sviluppare, coordinare e attuare iniziative volte allo studio e allo sviluppo della conoscenza dei movimenti migratori, nonché all’accompagnamento e all’assistenza di soggetti a rischio di esclusione sociale e all’assistenza nel percorso di soggiorno ed integrazione dei migranti stessi, in particolare dei richiedenti e titolari di protezione internazionale.

Consorzio Communitas nasce come una rete di realtà che si occupano della cura di chi è più debole.

É una rete fatta di persone e storie, piccoli e grandi progetti, per ridare la speranza a coloro che l’hanno persa. Il Consorzio Communitas è promosso da organizzazioni che aderiscono o collaborano con il Coordinamento Nazionale Immigrazione di Caritas Italiana. La peculiarità degli enti aderenti al Consorzio Communitas consiste nell’ispirazione ai principi della Carta pastorale della Caritas Italiana, “Lo riconobbero nello spezzare il pane”, e ai modelli di intervento promossi da Caritas Italiana e dalle Caritas diocesane. Da qui nasce lo stretto collegamento con l’ufficio immigrazione di Caritas Italiana, nel rispetto delle proprie autonomie, ma nella condivisione delle azioni da intraprendere.

Fondato nel 2009, il Consorzio Communitas ha lo scopo di creare una forma di collaborazione flessibile ma permanente tra gli enti aderenti.

Per sviluppare, coordinare e attuare iniziative volte allo studio e allo sviluppo della conoscenza dei movimenti migratori, nonché all’accompagnamento e all’assistenza di soggetti a rischio di esclusione sociale e all’assistenza nel percorso di soggiorno ed integrazione dei migranti stessi, in particolare dei richiedenti e titolari di protezione internazionale.